• Alessandro Immobile

Peer-to-peer lending

Aggiornato il: giu 5

I prestiti peer-to-peer sono una forma di crowdfunding basata su debito. I P2P lending sono prestiti in cui gli individui erogano denaro direttamente a persone o a imprese senza utilizzare una banca come intermediario. A tal proposito si parla anche di Crowdlending o di Crowdfunding Lending Based. In generale il finanziamento P2P comprende sia prodotti di debito (prestiti peer-to-peer, finanziamenti con fatture, mini-bond ecc.) Sia prodotti azionari (crowdfunding azionario).


COS’È

Il P2P lending per le imprese è caratterizzato da investitori che forniscono fondi in cambio del diritto a ricevere i propri soldi con gli interessi secondo i termini di rimborso specificati in un contratto di prestito o in una garanzia di debito. Questo tipo di prestito deve la sua crescita a internet e fintech, che hanno ridotto significativamente i costi di transazione, e alla stretta creditizia del sistema bancario.


COME FUNZIONA

Il richiedente invia la domanda per un finanziamento ad una piattaforma di crowdlending (marketplace) che verifica l’affidabilità economico-finanziaria del richiedente. Sulla base del merito creditizio la piattaforma propone un tasso d’interesse in base al suo rating. Se il richiedente accetta la proposta la sua domanda di prestito viene inserita sul marketplace.


La domanda viene accolta dai finanziatori che, attraverso la piattaforma investono il loro capitale scegliendo profilo di rischio e rendimento atteso, su singoli richiedenti. Quando il richiedente riceve un numero di adesioni sufficienti a coprire l’intera somma, riceve il denaro tramite bonifico bancario direttamente sul suo conto. Il rimborso del finanziamento ricevuto avviene solitamente con addebito diretto con rate mensili restituendo e remunerando le quote di ognuno dei finanziatori.


La piattaforma ha il ruolo di intermediario: accredita il conto del richiedente per la somma richiesta e addebita i vari conti dei finanziatori, ognuno per la propria quota parte. Durante la vita del prestito, la piattaforma si occupa anche di gestire il buon esito dei flussi inversi (rimborsi) dai richiedenti ai finanziatori, nonché di fornire ad entrambi la reportistica necessaria. In caso di ritardi o interruzioni nei rimborsi da parte del richiedente, la piattaforma svolge anche la funzione di assistenza ai finanziatori nella gestione di quelli che in banca si chiamerebbero “incagli e sofferenze”.


CARATTERISTICHE E RENDIMENTI

Anche tenendo conto delle commissioni della piattaforma e di eventuali inadempienze, i finanziatori possono ottenere un ritorno sull'investimento dai prestiti P2P più elevato rispetto a quello che possono ottenere con un conto di risparmio bancario.


Il peer to peer lending ha tre caratteristiche interessanti. Ha una bassa correlazione con i mercati finanziari e non risente delle oscillazioni in quanto segue le dinamiche del business reale. Ha bassi tassi di default che statisticamente si attestano intorno al 2%. E infine ha una bassa volatilità dei rendimenti che mediamente si attestano tra il 5% e il 7% su base annua del capitale investito al netto di spese, commissioni ed eventuali perdite.

Clicca qui per ricevere la descrizione del progetto




42 visualizzazioni

©2020 di Imment. All rights reserved.

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco LinkedIn Icon