• Alessandro Immobile

Invoice Trading

COS’È

L’Invoice Trading è una forma di Crowdfunding lending-based che consente di smobilizzare i crediti delle fatture commerciali su una piattaforma online. È uno strumento per garantire la liquidità alle PMI velocizzando lo smobilizzo dei crediti commerciali di clienti con pagamenti dilazionati e di finanziare il capitale circolante, attraverso l’anticipo delle fatture.


In questo ambito operano diverse Fintech che attraverso piattaforme web offrono il servizio di smobilizzo di fatture commerciali in modo semplice, veloce e personalizzabile rispetto ai sistemi tradizionali già esistenti sul mercato.


L’anticipo delle fatture attraverso il sistema bancario è uno strumento già in essere da molto tempo. Tuttavia l’impatto dirompente della tecnologia ha permesso di abbattere i tempi necessari per valutare in maniera efficace la solvibilità dell’azienda che ha emesso la fattura, grazie a strumenti quali l’intelligenza artificiale, il machine learning e l’analisi dei big data.


Inoltre il sistema bancario italiano continua a ridurre i prestiti a causa delle misure legate alle previsioni sull'andamento dell'economia. Per le piccole e medie imprese, che devono gestire con con efficacia i flussi di cassa, le piattaforme fintech di Invoice Trading sono una soluzione.


Gli strumenti tradizionali come l’anticipo fatture e il factoring prevedono in genere accordi a lungo termine con una banca. Questi accordi di solito presentano vincoli e costi fissi per l’azienda. L’Invoice Trading è un servizio "pay per use", i costi sono variabili, per singola operazione ovvero per singola fattura ceduta.


L’Invoice Trading rappresenta una opportunità in quanto permette alle aziende di aumentare le possibilità di liquidare i propri crediti e di gestire la tesoreria in modo più flessibile anche in base ai costi dell'operazione.

A CHI SI RIVOLGE

Il profilo tipico delle imprese che utilizzano l’Invoice Trading sono le PMI. Il vantaggi più evidenti sono: una procedura snella, veloce e flessibile di smobilizzo del capitale circolante e l’accesso al credito anche con garanzie molto limitate, situazione tipica di molte piccole realtà imprenditoriali.


La clientela target di solito ha le seguenti caratteristiche:

  • accede con difficoltà al credito tradizionale;

  • vuole diversificare gli strumenti di accesso al credito;

  • è una piccola media impresa con fatture unitarie al di sopra di una soglia minima, di solito dai 1.000 ai 10.000 euro.

Talvolta le piattaforme di Invoice Trading pongono dei limiti:

  • forma societaria (società di capitali, spa o srl);

  • fatturato (es. oltre 1,5 milioni di euro);

  • dimensioni della clientela (es. oltre 5/10 milioni di euro di fatturato);

  • settore di appartenenza della clientela;

  • mercato di riferimento.


COME FUNZIONA

L’Invoice Trading richiede la concorrenza di tre parti: una piattaforma di Invoice Trading, un insieme di investitori disposti a finanziare i crediti sotto forma di fatture e una società che cede una fattura con uno sconto. Normalmente le fatture cedute hanno termini di pagamento superiori a 60 giorni.


La cessione delle fatture avviene online attraverso la piattaforma di Invoice Trading che offre la vendita delle fatture commerciali direttamente a più investitori in competizione.


Il processo è organizzato e strutturato in fasi ben definite. L’azienda pubblica la richiesta sulla piattaforma web che valuta la proposta in base a determinati indicatori e calcola un rating della singola operazione incrociando i dati a disposizione con quelli presenti nelle banche dati di alcuni provider specializzati.


In base ai risultati di analisi la Piattaforma comunica all’azienda le condizioni dell’operazione. Una volta accettata la proposta da parte dell’azienda, la fattura viene pubblicata sulla piattaforma di Invoice Trading. La cessione in genere avviene con le modalità dell’offerta competitiva, con asta al rialzo, oppure tramite un marketplace di comparazione, o ancora fissando una quotazione indicata dalla piattaforma, in base alla quale avviene la negoziazione.


L’investitore che compra la fattura anticipa all’azienda mediamente entro 48 ore un importo pari a circa l’85-90% del corrispettivo, mentre il saldo è trattenuto come garanzia e poi liquidato alla data di scadenza della fattura, al netto della remunerazione dell'investitore.


Il codice civile prevede che la cessione del credito può avvenire pro-solvendo o pro-soluto. In Italia si è diffuso e consolidato il modello pro-soluto abbinato a procedure di garanzia e assicurazione da parte delle piattaforme per la gestione dei rischi. Questo aspetto rappresenta un ulteriore vantaggio rispetto ai canali tradizionali che applicano più comunemente la cessione pro-solvendo.


L’INVOICE TRADING IN ITALIA

In Italia le piattaforme di Invoice Trading hanno stretto accordi strategici di partnership con provider specializzati per l’analisi del merito creditizio e per la gestione del rischio di insolvenza.


Negli ultimi anni l’anticipo del credito sulle piattaforme web continua a crescere a ritmi sostenuti. Nel 2018 i prestiti erogati su piattaforme digitali hanno raggiunto il valore record di un miliardo di euro erogati a privati e imprese dall’introduzione del lending in Italia. Nei primi sei mesi del 2019 ha raddoppiato i volumi sfiorando gli 1,9 miliardi di euro, secondo le rilevazioni di P2P Lending Italia, con una crescita trimestre su trimestre del 23% e anno su anno del 142%.


Il fenomeno dell’Invoice Trading è una grande opportunità offerta dal Fintech italiano, che porta un forte beneficio all’economia delle PMI in un mercato che registra i più gravi ritardi nei pagamenti tra le imprese a livello europeo.

Clicca qui per predisporre un’operazione di Invoice Trading o per approfondimenti sulla gestione dei crediti aziendali.








20 visualizzazioni

©2020 di Imment. All rights reserved.

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco Twitter Icon
  • Bianco LinkedIn Icon